Home » ARTICOLI » LIQUIRIZIA

LIQUIRIZIA

LIQUIRIZIA - Dietista Dr. Erica Baroncelli

La pianta della liquirizia è un membro della famiglia dei fagioli (Fabacee o Leguminose). Originaria del Medio Oriente era raccomandata dal Greco Dioscoride per curare le ferite; è stata trovata nella tomba del faraone Tutankhamon; si narra inoltre che Napoleone fosse particolarmente affezionato alla liquirizia.

Viene coltivata nell'area del Mediterraneo (Spagna), in Asia e nella Ex Unine Sovietica.

 UTILIZZI

Viene utilizzata per aromatizzare le sigarette e altri prodotti a base di tabacco. Nell'ambiente alimentare viene utilizzata per aromatizzare le caramelle. Il sapore dolce è donato dalla glicirrizina. Contiene l'1% di flavonoidi e isoflavoni e derivati.

DEMULCENTE (emolliente, rilassa i tessuti diminuendo l'infiammazione e la tensione riducendo acidità), MUCOPROTETTIVA, ANTIULCEROGENICA particolarizzate indicata in caso di Reflusso Gastroesofageo e Gastrite Ulcerativa. La liquirizia aumentando la produzione di prostaglandine che proteggono l'intestino, aumenta la produzione di muco che crea una barriera protettiva viscida che impedisce agli enzimi di digerire la mucosa stessa, cosa che potrebbe favorire l'ulcerazione, e riduce la secrezione acida gastrica riducendo la sensazione di bruciore. Alcuni sostengono che abbia un effetto protettivo anche sulla gola.

ANTINFIAMMATORIA particolarmente indicata nelle già citate e negli stati infiammatori intestinali come la dispepsia

LEGGERO STIMOLANTE indicata nella STIPSI

OVAIO POLICISTICO probabile effetto sulla regolazione del ciclo mestruale perché riduce il testosterone (anche nei maschi quindi non particolarmente indicata per la sessualità maschile)

 

ATTENZIONE!

SINDROME APPARENTE DA ECCESSO DI MINERALCORTICOIDI caratterizzata da perdita di potassio, ritenzione di sodio, ritenzione idrica, seguite da un aumento della pressione sanguigna. I sintomi sono debolezza, formicolii, mal di testa, palpitazioni, ritenzione idrica. Fortunatamente sono necessarie alte dosi di liquirizia per causare questa reazione avversa che è comunque destinata a svanire nel momento in cui si sospende l'assunzione della pianta. Queste effetto si ha in chi assume liquirizia ad alte dosi (anche più volte al giorno) per più di una settimana. In commercio si può trovare la liquirizia deglicirrinizzata “licorice free” però non ha le stesse capacità benefiche della naturale.

 

EVITARE:

- per le ragioni dette prima in caso di IPERTESIONE, DISTURBI CARDIACI, BASSO LIVELLO DI POTASSIO, PROBLEMI RENALI

- MORBO DI CUSHING, IPERALDOSTERONISMO perché inibisce la 1 11-b-OHSD, la 5b- e la 5a-riduttasi, con conseguente aumento della concentrazione di cortisolo, progesterone, mineral e glucocorticoidi

- in GRAVIDANZA perché riduce le contrazioni uterine

- TUMORE UTERO, MAMMELLA, OVAIO, ENDOMETRIOSI, FIBROMI UTERINI perché ha azione estrogenomimetica

 

P.IVA: 02146440462Tel: 347-5065511ericabaroncelli@hotmail.it