Home » ARTICOLI » LA MERENDA IN VACANZA

LA MERENDA IN VACANZA

LA MERENDA IN VACANZA - Dietista Dr. Erica Baroncelli

I ritmi in vacanza, spesso, sono tutti scombinati: a volte i pasti saltano o sono frettolosi e le scelte sono poco sane.

Tra tutti i pasti, sicuramente la merenda ha un ruolo importante, al pari della colazione. Fare merenda, anche in vacanza, è un'ottima abitudine che aiuta il metabolismo a rimanere attivo e ad arrivare ai pasti principali, pranzo e cena, meno affamati e quindi aiuta a gestire meglio il pasto. La merenda, dunque, deve essere un piccolo pasto, una piccola pausa, con lo scopo di affrontare le ore che separano dal pasto successivo; quando la merenda è troppo abbondante il rischio è di sovraccaricare l'apporto energetico e di sovvertire la sana regolarità dei pasti.

Ecco alcuni consigli per i giorni di ferie, al mare o in montagna che siano!

-
Nei lunghi viaggi in auto optate per soste frequenti, almeno ogni 2-3 ore, per consentire ai bambini di bere e riposarsi, per sgranchire le gambe e per fare merenda. Per gli spuntini durante un lungo viaggio meglio prediligere cibi freschi, leggeri e non salati (altrimenti stimolano a bere e sarete costretti a fermarvi ogni 2 chilometri per andare in bagno!!!) come frutta, yogurt, 2 biscotti leggeri e per chi soffre di mal d’auto evitare di consumare alimenti liquidi durante il viaggio. 

-
Per viaggi in aereo all’estero, soprattutto se molto lunghi, consiglio di bere molto e non eccedere nel numero di pasti, soprattutto quando c’è il cambio di fuso orario. 

-
In spiaggia la parola d’ordine è “leggerezza”perché il corpo è impegnato a mantenere la temperatura costante e per lasciarlo lavorare bene meglio non appesantire la digestione con il primo bombolone ambulante, panini imbottiti con condimenti grassi e dolci con creme artigianali già pronti nei chioschetti...ma scegliere spuntini a base di frutta fresca, come il cocomero ricco di acqua, macedonia, che contiene molte fibre, o spremute e centrifugati di frutta e verdura, per assumere, oltre agli zuccheri, anche un bel pò di sali minerali e vitamine. Il gelato a volte può essere utilizzato come sostituto di un pasto principale, come il pranzo ad esempio, ma attenzione ai grassi contenuti in creme e cioccolate che appesantiscono la digestione; preferire gusti alla frutta con un pò di cocco o nocciola o pistacchio, per i grassi vegetali, e una palletta di yogurt per le proteine!!! Se potete, prima di consumare il gelato, mangiare una bella insalata di sole verdure aiuta a mantenere sotto controllo la glicemia alzata eccessivamente dagli zuccheri del gelato, grazie alle fibre.

- Se con il caldo eccessivo alcuni bambini perdono appetito non vanno forzati: molto spesso sanno regolarsi meglio degli adulti e recupereranno nel pasto successivo, senza proporgli tante alternative diverse. Consiglio però di assicurarsi che bevano a sufficienza per evitare la disidratazione!

- La convinzione che le bevande zuccherate dissetino di più dell'acqua è falsa!!...anzi l'eccessivo contenuto di zucchero aumenta la fame e la sete, proprio a causa dell'aumento degli zuccheri nel sangue!!!

-
Se al mare fare lo spuntino e bere l'acqua sono importanti, lo sono ancora di più in montagna quando si fanno lunghe passeggiate e si consuma tanta energia e si suda molto. In montagna ricordarsi sempre di mettere nello zaino una borraccia con dell’acqua fresca, se necessario addizionata con opportuni integratori di sali minerali, e qualcosa da mangiare come un pochino di cioccolata fondente, energetica ma che aiuta a mantenere la glicemia sotto controllo, o dei biscotti o crackers integrali, o un pugnetti di frutta secca e frutta fresca per gli zuccheri e le vitamine

-
In crociera o in un villaggio attenzione ai buffet illimitati: anche se si è in vacanza non si è autorizzati a mangiare in continuazione affaticando l'organismo, soprattutto di sera, rischiando di non dormire bene.

P.IVA: 02146440462Tel: 347-5065511ericabaroncelli@hotmail.it