Home » ARTICOLI » La fame e il desiderio di cibo: qual è la differenza?

La fame e il desiderio di cibo: qual è la differenza?

La fame e il desiderio di cibo: qual è la differenza? - Dietista Dr. Erica Baroncelli

Hai mai notato che quando le tentazioni alimentari colpiscono, spesso lo fanno d’impulso e soprattutto sono guidate dal tuo umore o da certi stimoli? ...invece, hai mai notato che quando davvero hai fame i segnali sono diversi e a guidare sono soprattutto i segnali del corpo?

Nel primo caso si può pensare che il cibo possa risolvere certi pensieri o emozioni. Una mia paziente, mamma di 2 bambini piccoli, qualche tempo fa mi disse “...Dottoressa, quando mi trovo a casa nel pomeriggio che i miei figli dormono e io sono molto stanca e frustrata, mi attacco ai loro biscotti per la colazione...” e un paziente invece, avvocato, mi disse “...quando sono arrabbiato perché il lavoro è andato male ho notato che scendo in pasticceria e mi prendo le mie paste preferite”

L’abitudine! L’abitudine di rispondere ogni volta a certi pensieri e stimoli in un certo modo, porta a perpetuare questo meccanismo: pensiero/emozione/stimolo – cibo - pensiero/emozione/stimolo – cibo - pensiero/emozione/stimolo – cibo ecc….

La conseguenza? Piano piano questo meccanismo diventa quasi involontario, automatico, inconsapevole. Il peso aumenta. Lo scoraggiamento, talvolta, pure.

Allora che fare? Il primo passo per bloccare questo circolo vizioso è allenarsi ad individuare le situazioni a rischio in cui il cibo viene considerato come risposta ad un’emozione o ad uno stimolo o ad un pensiero (quindi non alla reale fame), isolare queste situazioni ed imparare a gestirle nel modo migliore con strategie cognitive adeguate.

Fame nervosa

- Si cercano in genere cibi confortevoli, come cioccolato, dolci e cibi grassi...

- E’ spesso causata da sentimenti negativi

- Può essere causata da sentimenti positivi (cibo come premio)

- Dopo aver mangiato c’è sempre una sensazione iniziale di appagamento, solo dopo può comparire il senso di colpa, il dispiacere, l’autoaccusa…

- Può presentarsi se stai seguendo un programma di dimagrimento eccessivamente deprivante, soprattutto se stai rinunciando ai tuoi cibi preferiti

- Può verificarsi anche dopo aver mangiato (ad esempio poco dopo il pranzo o la cena)

- ...una cosa positiva c’è: dopo circa mezz’ora questa sensazione svanisce. Gestire si può!

 

Fame vera

- Di solito si verifica quando non si è mangiato da qualche ora

- Lo stomaco “gorgoglia”, è possibile avere mal di testa o la sensazione di debolezza…

- Non passa con il tempo. Anche se per un po' la fame sparisce, a causa di meccanismi metabolici di compenso, poi ritorna.

- Non viene soddisfatta con un cibo specifico

- Può essere soddisfatta da uno spuntino o un da pasto sano

 

Il dimagrimento non è solo una questione di forza di volontà. Sia chiaro! Il segreto è scovare certi meccanismi e imparare a gestirli con strategie efficaci!

 

Fai un gioco: inizia ad ascoltarti di più e ad osservare i tuoi comportamenti per 2 giorni. Alla fine, cosa hai scoperto?

P.IVA: 02146440462Tel: 347-5065511ericabaroncelli@hotmail.it