Home » ARTICOLI » LO STILE DI VITA NEI GIORNI DI FESTA

LO STILE DI VITA NEI GIORNI DI FESTA

LO STILE DI VITA NEI GIORNI DI FESTA - Dietista Dr. Erica Baroncelli

Cibo è....cibo è anche convivialità!...e quale migliore occasione delle festività, per riunirsi intorno alla tavola e condividere con i propri cari la gioia di stare insieme e gustare del buon cibo!?

Come sostengo da sempre “stare a dieta” non vuol dire evitare questi preziosi momenti di convivialità; “stare a dieta” in queste occasioni vuol dire semplicemente saper gestire al meglio la situazione, senza rinunciare completamente al gusto della buona cucina, con la consapevolezza della libertà di scelta per la propria salute!

Ecco allora alcuni consigli generali da mettere in pratica in caso di festività! Per qualsiasi dubbio o domanda specifica, meglio rivolgersi alla propria dietista di fiducia che saprà darvi consigli personalizzati, in base alle vostre esigenze e ai fabbisogni.

 

PRIMA DELLA FESTIVITA'

Per esperienza so che molte persone nei giorni precedenti alla festività mettono in pratica un semi digiuno, come se questo fosse in grado di ammortizzare la futura abbuffata a tavola. Niente di più sbagliato! Il rischio della iponutrizione è che di fronte ad un delizioso banchetto natalizio o simile, il nostro corpo, per recuperare le energie perse in precedenza, stimoli all'abbuffata; e detto tra noi, ha proprio ragione! L'iponutrizione è una vera tortura!

Nei giorni prima della festività, la strategie migliore è quella di mantenere il proprio sano stile di vita. Il vantaggio è quello di arrivare a quel giorno ben nutriti, capaci di decidere con lucidità cosa mangiare, senza i morsi della fame e senza abbuffarsi ingordamente. Ricordatevi poi che non sarà mai un'isolata occasione di “eccesso alimentare” ad incidere sull'ago della bilancia; è piuttosto la ripetitività delle eccezioni, che eccezioni più non sono, e gli eccessi quotidiani!

 

DURANTE IL PASTO

Preferisco affrontare alcune regole comportamentali, anziché soffermarmi sugli apporti energetici dei piatti o sui cibi si e quelli no, che mi sembra molto riduttivo.

- Uno dei tanti consigli che vi voglio regolare è quello di “sapersi ascoltare”. Come è possibile che se nella quotidianità dopo un piatto di pasta con delle verdure e un frutto si raggiunga la sazietà, durante queste occasioni si mangi il doppio, il triplo e forse di più? Ascoltare il proprio corpo, il proprio stomaco e individuare il grado di pienezza e soddisfazione, aiuterà a gestire al meglio le quantità dei piatti e il numero di portate. Infatti, in queste occasioni si tende a mangiare dall'antipasto al dolce!

- Proprio per la grande varietà di piatti che la tradizione italiana porta in tavola, un altro fondamentale consiglio è quello di rinunciare ad alcune portate e preferire solo quelle più gustose; in questo modo ridurrete le quantità, senza rinunciare al gusto e alla soddisfazione del palato!

- Il vino e gli alcolici sono spesso presenti in queste occasioni di festa. Purtroppo, è bene sapere che questa classe di bevande, come tutte le altre eccetto l'acqua del resto, apportano molta energia e, in particolare, affaticano la digestione. Detto questo le linee guida e la letteratura scientifica raccomandano di non superate la quantità di 1 bicchiere al giorno per le donne e 2 bicchieri per gli uomini. Rinunciare a mangiare qualcosa per bere qualche bicchiere di vino in più, tuttavia, non serve ad ammortizzare l'effetto sul peso, se consideriamo gli effetti tossici dell'alcol e la sua capacità di aumentare il senso di fame!!! Inoltre voglio sfatare il mito del digestivo che fa digerire.

E' vero, spesso queste bevande alcoliche sono preparate a partire da vegetali con capacità digestiva, una fra tutte il carciofo, ma l'effetto digestivo indotto da queste sostanze è del tutto annientato dall'effetto tossico dell'alcol a livello epatico, allungando le ore di digestione e inducendo il senso di sonnolenza. Consiglio piuttosto una sana camomilla o una tisana digestiva!

 

DOPO LE FESTE

Quando le festività sono molto ravvicinate, come capita durante le feste di Natale, meglio consumare pasti leggeri, bilanciati e con molte verdure, cucinati in modo semplice, riducendo leggermente la quantità rispetto alla normalità, piuttosto che ricorrere al digiuno forzato che invece innesca, come già spiegato prima, l'effetto “perdita di controllo” e “abbuffata”.

Dopo le feste la strategia migliore per ritrovare la linea, è quella di riprendere le sane abitudini alimentari e comportamentali precedenti; pasti regolari e attività fisica sono la regola principale da seguire. Tutto tornerà alla normalità nel giro di qualche settimana.

L'aiuto della dietista di fiducia sarà utile a ristabilire ilo giusto stile di vita e le giuste dosi per rispettare i fabbisogni individuali, nel modo più sano possibile!

P.IVA: 02146440462Tel: 347-5065511ericabaroncelli@hotmail.it